logo hdr
Harditaroad Trento-Trieste
La Harditaroad è una manifestazione moto culturale di carattere non competitivo nata dall’idea di un gruppo di amici motociclisti che in comune hanno la passione per gli eventi bellici del primo conflitto mondiale.
Con questi presupposti si è voluto dare un riconoscimento alla storia che proprio in questi anni corona il suo secolo di ricordi, convinti che la moto intesa come “mezzo di unione sociale” non sia puramente oggetto ludico e/o professionale, ma un mezzo in grado di unire persone, culture e popoli in nome di questa passione condivisa.
Gli eventi bellici del 1915-1918 hanno lasciato una traccia significativa nel nostro territorio, e non solo, come nelle genti che hanno vissuto in prima persona quegli anni tragici di polvere e miseria, ed a testimonianza solo il granito dei mausolei ed i reperti bellici dei recuperanti.
Il desiderio comune, che la memoria di quel periodo cruento abbia una sua precisa dimensione e che non sia solo un alito di vento che passa senza lasciare alcuna traccia, è forte, ricordando ai contemporanei chi e cosa sia passato attraverso le nostre trincee in quell’epoca di sangue.
Zone come il Trentino, L’Altopiano dei Sette Comuni, Monte Grappa, il Montello, il Piave, l’Isonzo… il carso Triestino, sono molto più che semplici toponimi su una carta, sono la nostra storia!
Che ci piaccia o no, è la nostra identità.
Identità che non deve essere nascosta o dimenticata, ma condivisa. Ecco che la motocicletta, mezzo versatile e dal significato multiculturale, favorisce la possibilità proprio per le sue caratteristiche intrinseche di unire simbolicamente popoli che cent’anni fa si sono fronteggiati in aspre battaglie proprio su questi territori.
Quello che vorremmo, è che ogni motociclista, passando, notasse e si fermasse innanzi ai luoghi ove dimorano in silenzio i propri connazionali, l’inglese, l’Austroungarico, il francese… l’Italiano.
Che faccia mente locale su ciò che è stato, che si senta unito ed orgoglioso di fronte alla propria bandiera, che tocchi con mano i luoghi dove si è combattuto; perché in quei luoghi ancora esiste lo spirito dei caduti.

La moto come mezzo sociale in contrapposizione alle armi che ci hanno segnato profondamente!

Aspetto “tecnico” della manifestazione

Classificata con un itinerario “Adventouring”. Le motociclette interessate dovranno essere in regola con CDS (codice della strada). Quindi con tutte le dotazioni di serie funzionanti. Per una maggiore sicurezza dei partecipanti saranno richiesti pneumatici adeguati ai percorsi su fondo naturale, essendo lo stesso protratto in maniera rilevante sul totale del giro. (610 km circa) ed un supplemento di illuminazione per far fronte ai percorsi in notturna. Saranno vietate le motociclette “specialistiche” e le motociclette con motore a 2 tempi, in quando non soddisfano i requisiti di eco compatibilità. Sarà dato spazio altresì alle moto elettriche ed alle moto “Enduro” attuali con preferenza per quei mezzi con almeno 20 anni di anzianità di qualsiasi cilindrata, purchè a 4 tempi. Le Enduro o Dualsport sono mezzi affidabili e facilmente gestibili. Non dispongono di potenze esasperanti, per cui non impegnano più di tanto il conducente. Ciò che potrebbe stancarlo è la lunghezza del percorso totale (900 km). Saranno preferite le dotazioni personali più all’avanguardia ove agevolarlo nel viaggio. E’ un viaggio questo, che lo metterà alla prova, che gli darà la possibilità di confrontarsi con le contingenze dei luoghi, e che alla fine gli lascerà un’impronta (speriamo) positiva dentro se stesso.

Note principali

L’organizzazione si procurerà di rimettere a posto ove ve ne fosse necessità la tratta di passaggio. Eseguendo tutte le correzioni dovute, al fine di preservare per quanto possibile, lo stato di integrità originale del territorio interessato.
Il conducente firmando in toto la manleva di responsabilità, solleverà gli enti, l’organizzazione, i concessionari del fondo da ogni responsabilità soggettiva ed oggettiva, inducendo a se medesimo la piena responsabilità del danno arrecato all’opera compiuta.
Il conducente con l’iscrizione gode di un compendio assicurativo da parte della FMI (Federazione Motociclistica Italiana) e del M.C. Anni Ottanta Offroad Group A.S.D.
Nei tratti di rilevanza Storico culturale, di Pericolosità oggettive, saranno presidiati da specifiche unità dell’organizzazione, anche in sinergia con il CFS (Corpo Forestale dello Stato), dalla Polizia Locale o enti preposti.
Per questioni organizzative si è pensato di porre un tetto massimo di partecipanti nella misura indicata di 199 unità, suddivisi in gruppi di tre elementi (66 gruppi) distanziati allo start da 1 minuto l’uno dall’altro. Questo per non creare inutili quanto spiacevoli fenomeni di ingorgo lungo la tratta interessata.
Ogni partecipante è libero di gestire il proprio tempo, pur mantenendo la consapevolezza del gruppo globale.
Se desidera ammirare il panorama, rilassarsi sotto un albero, ristorarsi presso una baita o un rifugio, lo può tranquillamente fare.
L’Harditaroad Non è una gara, non vi è classifica, viene chiesto solo di rispettare le tracce assegnate per facilitare all’organizzazione o enti preposti, la tempestività d’azione nella ricerca e soccorso in caso di emergenza.
Il ricavato, fatte salve le spese, verrà devoluto in beneficenza!
Note importanti
La manifestazione è a carattere internazionale non agonistica, di carattere storico e culturale per dar modo di conoscere i luoghi, la storia, la cultura, di ciò che è avvenuto in questi luoghi fra il 1915 ed il 1918.
La partecipazione alla manifestazione è consentita a piloti partecipanti facenti parte di un gruppo composto da tre elementi.
Ciascun pilota deve provvedere individualmente alla propria iscrizione e relativo pagamento tramite bonifico bancario.
Alla volta della registrazione i componenti del gruppo debbono presentarsi assieme, all’accreditamento (check-in) non saranno accettate deleghe per nessun e di nessun conto.

Munirsi di:
Scheda personale di iscrizione all’evento
Manleva firmata (opzionale)
Copia del bonifico
Carta D’Identità valida
Patente di guida
Tessera FMI

Contestualmente sarà necessario firmare la manleva di responsabilità.

Oltre al pacco manifestazione, verrà consegnato anche il sistema di rilevamento della posizione, che richiederà un deposito cauzionale di 100,00 EUR (uno per squadra). Somma che verrà restituita alla rimessa del dispositivo.
Ai partecipanti regolarmente iscritti verrà inviata tramite E-mail tre giorni prima dell’evento la prima delle sei tappe (in formato GPX).
Ogni squadra deve avere in dotazione almeno un sistema GPS su cui caricare le suddette tracce. È consigliabile portarsi appresso anche il cavetto di collegamento per facilitare eventualmente l’operazione di caricamento dei dati. Per chi fosse dotato di Smartphone, assicurarsi del corretto funzionamento della funzione navigazione cartografica anche in assenza di segnale.
L’autonomia minima (carburante) richiesta è di 150 km.
Si consiglia l’adozione di pneumatici adatti ad uso su fondi naturali, ed una adeguata illuminazione per il transito notturno, camere d’aria. Un minimo di dotazione per riparare i guasti più comuni vi eviterà di rimanere fermi magari al freddo in attesa del mezzo scopa. Disporre l’eventuale bagaglio in maniera ottimale ove evitare difficoltà alla guida, e altresì, che la perdita dello stesso possa interferire con la traiettoria degli altri concorrenti, ponendoli e ponendosi in difficoltà.
Procedendo su strade a fondo naturale (e non solo), capiterà di trovarsi ad attraversare luoghi sensibili, che per il loro carico di simboli legati al primo conflitto bellico mondiale, sono considerati di alto valore storico e umano, quindi in segno di rispetto per ciò che è stato, e, per quanto vi è possibile, senza precludere la vostra sicurezza personale si cerchi di adottare uno stile di guida consono alla situazione.
All’inizio ed alla fine di punti sensibili troverete il personale dell’organizzazione che vi indicherà la velocità ottimale da tenere, ed eventuali notifiche riguardanti i dati importanti circa il transito su quella determinata tratta.
Attenzione alla fauna! Nelle ore del crepuscolo, notturne ed alba, esiste la concreta possibilità di incrociare sul percorso fauna selvatica allo stato brado (cinghiali, caprioli, cervi). Potreste incontrare entro le aree adibite a pascolo ruminanti di qualsiasi taglia che vagano liberi… Mantenere un passo adeguato per non infastidirli è il modo più semplice per non incorrere in spiacevoli fuoriprogramma.
Fate molta attenzione ai guadi! Per quanto un pilota sia esperto nell’affrontarli, esiste sempre la variabile incognita del tempo atmosferico. Parametri come lunghezza, profondità e tipo di fondo andrebbero valutati con attenzione. Aiutatevi a vicenda.
Qualora si dovesse incappare in un incidente o si dovesse essere vittima dello stesso, comunicare tempestivamente al numero che troverete nell’apposita informativa consegnatavi alla registrazione, specificando il tipo di danno, la posizione, ed eventualmente le condizioni del ferito.
Se il carico di lavoro risultasse pesante, tale da compromettere il proseguo della gita entro i normali parametri di sicurezza, e si è lontani dalle aree preposte al ristoro, si è invitati a fermarsi per tempo ed a riposare. Non ha alcun senso rischiare un danno solo per voler arrivare.
Si ricorda che TUTTE le vie di comunicazione sono aperte al traffico veicolare e non solo, capita che per certi luoghi causa la stagione turistica vi siano sul tragitto; moto, cavalli, biciclette, pedoni, quindi vi chiediamo di adottare tutte le accortezze del caso. Nella remota possibilità di un ritorno su tratte ad una sola corsia mantenete strettamente la destra e rendetevi visibili onde evitare sgradevoli quanto inutili impatti frontali con chicchessia.
Salutare i presenti locali è un gesto di nobile signorilità, ovviamente adeguando la vostra condotta in sicurezza del mezzo.

Slovenia: Attenzione!

Rispettare i 50 km/h nei centri abitati (ritiro della patente e 1.000,00 EUR + accessorie).
Strade extraurbane 90/100 km/h (60/380,00 EUR + accessorie)
Autostrade 130 km/h
Sorpasso pericoloso (500.00 EUR + accessorie)
Tolleranza alcolica non superiore allo 0,05%
Obbligo di accensione dei fari anabbaglianti di giorno.
Obbligatorio il kit di pronto soccorso e le lampade di scorta per i fari.
Obbligo del casco omologato.
Programma evento
Venerdì 27 Luglio 2018


Sabato 28 Luglio 2018


Domenica 29 Luglio 2018

La chiusura della manifestazione Harditaroad Trento –Trieste è da intendersi conclusa ufficialmente con l’arrivo dell’ultimo partecipante.

Attenzione: Il presente programma nel corso del tempo potrà subire delle variazioni. Nel caso, sarà nostra cura porvi all’attenzione delle nuove modifiche inserite.
Immagine del percorso
panoramica percorso
Facebook

Per altre eventuali informazioni vi rimandiamo alla pagina facebook dedicata: CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PAGINA FACEBOOK

Quota di partecipazione
Costo iscrizione a partecipante Euro 290,00 da contribuire con la seguente modalità: Euro 290,00 da accreditare al seguente IBAN dell’ MC Anni Ottanta Offroad Group ASD: IT27U0311161820000000000147 Unione Di Banche Italiane S.P.A. - Fil.Di Montebelluna -  causale “Iscrizione HARDITAROAD 2018”



Inoltre: Al momento della registrazione in data 27/07/2018 dovrà essere versata a titolo cauzionale la quota di Euro 100,00 per la concessione del sistema di tracciamento. (N°1 per squadra). Cifra che vi sarà restituita alla riconsegna del dispositivo.
Iscrizione e moduli scaricabili

Il modulo riguardante l'assunzione delle responsabilità è scaricabile e stampabile da qui: CLICCA PER VISUALIZZARE E SCARICARE IL MODULO ASSUNZIONE RESPONSABILITÁ



Il modulo contenente il regolamento è scaricabile e stampabile da qui: CLICCA PER VISUALIZZARE E SCARICARE IL REGOLAMENTO



Il modulo contenente l'iscrizione è scaricabile e stampabile da qui: CLICCA PER VISUALIZZARE E SCARICARE L'ISCRIZIONE